Un omaggio al medico ungherese Ignaz Semmelweis

Google ha celebrato il primo medico ad intuire l’importanza di lavarsi bene le mani per contrastare il contagio da virus e batteri

Google celebra con un doodle  ( la grafica che sostituisce il canonico logo di Big G) il medico ungherese  Ignaz Semmelweis, il primo medico ad intuire l’importanza di lavarsi bene le mani per contrastare il contagio da virus e batteri.

Una tema di scottante attualità in piena emergenza COVID-19.

 Le mani sono il principale veicolo di trasmissione di infezioni, perché le cellule più esterne dell’epidermide sono normalmente “colonizzate” da microbi (batteri e funghi).
Il corretto lavaggio delle mani è quindi il primo passo per ridurre le infezioni virali e batteriche,  in particolare in strutture sanitarie, ambienti ospedalieri e altri luoghi di cura.

Numerosi studi dimostrano, infatti, che il 15-30% delle infezioni che si verificano in ospedale possono essere prevenute con una accurata igiene delle mani.

Nell’aprile del 1847, mentre lavorava in forma precaria, Ignac Semmelweis aveva scoperto che la febbre puerperale, una malattia della quale allora si ignoravano sia la causa che la cura e che in media uccideva fino anche al 40% delle donne che partorivano in ospedale, non era causata come si pensava allora da uno squilibrio negli “umori” del corpo umano.

Secondo Semmelweis si trattava di un’infezione della stessa natura di quella che uccideva i chirurghi che si ferivano accidentalmente nel corso di esami su cadaveri o durante interventi su pazienti infetti.

Semmelweis, aveva notato che se il professore o gli studenti che visitavano una partoriente provenivano da una sala operatoria dove avevano compiuto un’autopsia (senza alcuna protezione, lavaggio o disinfezione), o avevano prima visitato una donna infetta, trasmettevano alla malcapitata paziente una malattia mortale.

La causa della febbre puerperale era insomma il medico stesso, che trasportava da un malato all’altro qualcosa che rimaneva attaccato alle sue mani e che provocava la malattia.

Purtroppo l’intuizione di Semmelweis, trovò forte opposizione da parte dei più grandi ginecologi dell’epoca a tal punto che il medico venne perfino allontanato dalla clinica dove ne  aveva sperimentato la correttezza.

Un genio incompreso che finì per perdere la ragione e morì in manicomio il 13 agosto 1865.

Solo pochi anni dopo a seguito della fondazione della batteriologia da parte di Pasteur gli fu riconosciuto il merito di questa geniale intuizione, che ha permesso di debellare parecchie malattie e ci permette di combattere contro COVID-19. ( Fonte: www.focus.it)

Quindi lavatevi spesso le mani e fatelo nella maniera corretta!

 

Spread the love