Ritorna l’ora legale. Lancette avanti di un’ora

Con la primavera torna l’ora legale.

L’appuntamento con il cambio delle lancette è per la notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo 2019. Alle 2 di notte di domenica 31 marzo le lancette andranno spostate avanti di 60 minuti.

Dunque come “tradizione” ci sarà un’ora in più di luce fino ad ottobre e si dormirà un’ora in meno.

Attenzione come ogni anno agli scombussolamenti sul nostro orologio biologico.

Si rischia infatti di dormire male con ripercussioni il giorno successivo e non solo su concentrazione ed umore a cui va aggiunto un senso di stanchezza e malessere generale.

Le categorie più sensibili a questo cambiamento sono gli anziani e soprattutto i bambini che possono risultare nervosi ed iperattivi non tanto il giorno del cambio dell’ora, ma quello successivo.

Il consiglio è quello di anticipare la nanna e di conseguenza la cena.

Bene anche consumare in prossimità e nei giorni successivi, soprattutto a cena cibi non troppo elaborati, prediligendo metodi di cottura light .

Spazio ad alimenti ricchi di triptofano, che favorisce la produzione di serotonina, l’ormone del buonumore quali cereali, arachidi, semi di sesamo, cioccolato fondente…

Per gli adulti attenzione all’impatto sulla giornata lavorativa.

Uno studio apparso su .Journal of Applied Psychology, ( https://psycnet.apa.org/record/2012-04928-001), ha evidenziato come il passaggio all’ora legale (DST) determini un notevole aumento del comportamento del cyberloafing, cioè l’eccessivo uso di internet in ufficio.

Più chat, più social, più intrattenimento che in Italia potrebbe portare a “gravi”conseguenze non solo per quanto riguarda il sonno e l’umore…

Uomo avvisato…

Al di là di tutto, tra due anni ogni paese dell’UE potrà scegliere se mantenere l’ora legale o quella solare senza più tornare indietro.

L’idea di porre fine al doppio regime orario dal 2021 non sembra essere particolarmente osteggiata e quindi non ci saranno più grossi stravolgimenti nei due giorni dell’anno.

Spread the love